Home Area Giuridico-Economica I beni

I beni

Non si possono considerare beni in senso giuridico le cose inaccessibili (ad esempio, il sole) e le cose che esistono in quantità illimitata, se non illimitata, certamente superiore ai bisogni dell’uomo e ai metodi nonché alla capacità di quantificazione dell’uomo (es: l’aria, la luce del sole).

I beni sono “le cose che possono formare oggetto di diritti” (art.810 c.c)

I beni devono presentare tre caratteri essenziali:
• esistere in natura in quantità limitata;
• essere utili, idonei cioè a soddisfare un bisogno;
• essere accessibili, nel senso che sia possibile appropriarsene.

I beni si distinguono in privati e pubblici:

I beni privati sono quelli che appartengono a soggetti privati, sia persone finiche sia organizazzioni, e sono normalmente traferibili.

I beni pubblici sono quelli, che per legge sono di proprietà dello Stato oppure di altri enti pubblici.

I beni privati servono per soddisfare bisogni privati, quelli pubblici hanno lo scopo di soddisfare interessi di natura generale.

Oltre alla distinzione tra beni privati e pubblici i beni vengono divisi in:
• beni immobili e beni mobbili;
• beni demaniali;
• beni materiali e beni immateriali;
• beni fungibili e beni infugibili.

Beni mobili e beni immobili

Una prima distinzione (rappresentante la Summa Divisio) va posta tra beni mobili e beni immobili e beni mobili registrati:
I beni immobili sono il suolo e tutte le cose incorporate ad esso che se spostate modificherebbero la propria natura o utilità;
I beni mobili sono tutti gli altri beni.
In una posizione intermedia tra mobili ed immobili si trovano i beni mobili iscritti in pubblici registri. La loro legge di circolazione presenta forti analogie con quella degli immobili (sono ad esempio capaci di ipoteca), ma per ciò che non dispongano le norme che li riguardano, essi sono sottoposti alle norme proprie dei beni mobili (art. 815 c.c.). Rientrano in questa categoria autoveicoli, navi, aeromobili.
I beni mobili registrati sono i beni che hanno dei dati di identificazione (come la targa per le auto). Quello che differenzia tra di loro questi beni è il loro sistema di circolazione (cioè di trasferimento di proprietà); infatti i beni immobili e mobili registrati necessitano di atti redatti in forma scritta per essere trasferiti.

Beni demaniali

Nell’ambito dei beni pubblici alcuni si caratterizzano per essere inalienabili, nel senso che non possono essere venduti a privati perché il loro utilizzo è destinato al vantaggio di tutta la collettività.
Dal giugno 2010 opera il cosiddetto federalismo demaniale: esso prevede la possibilita di vendere beni appartenenti allo Stato, agli enti locali, in modo che questi ne dispongano nell’interesse della collettività e li valorizzino al meglio.
I beni demaniali sono classificabili in beni del demanio necessario e accidentale.
I beni del demanio necessario appartengono in via esclusiva allo stato e sono: lodo del mare, spiaggia, porti, fiumi, laghi, opere destinati alla difesa nazionale.
I beni del demanio accidentale possono di per sé appartenere anche a privati qualora appartengano a un ente pubblico sono soggetti al regime dell’inalienabilità. Si tratta delle strade.

Beni materiali e beni immateriali

Sono beni materiali (o corporali) le cose esistenti nel mondo fisico e suscettibili di percezione con sensi o strumenti materiali (es. un cane, un’automobile).
Sono beni immateriali quei beni che non hanno materialità corporea e non sono quindi percepibili dai sensi umani; sono beni immateriali ad esempio le invenzioni e le opere dell’ingegno, gli strumenti finanziari, i diritti che possono essere oggetto di negoziazione; è un bene immateriale anche il diritto d’autore su una canzone che hai scritto o sull’invenzione di un’opera. Qui entra in gioco il brevetto di sfruttamento, conosciuto meglio col nome di copyright.

Beni fungibili e beni infungibili

Sono beni fungibili quei beni che possono essere sostituiti indifferentemente con un altro, per qualità e quantità, in quanto non interessa avere proprio quel bene specifico (es. se acquisto un libro intitolato “Le meraviglie del mondo” non mi interessa averne uno in particolare, ma interessa che sia il libro che ho scelto e che rispecchi la quantità e la qualità che ho richiesto).
Sono beni infungibili quei beni unici fra quelli del suo genere per una caratteristica particolare e che non consente di averne altri simili (es. un quadro di Picasso, l’originale è unico).