Home Area Tecnologica Python

Python

Python è un linguaggio di programmazione ad alto livello (caratterizzato da una significativa astrazione dai dettagli del funzionamento di un calcolatore e dalle caratteristiche del linguaggio macchina), orientato agli oggetti, adatto, tra gli altri usi, a sviluppare applicazioni distribuite, scripting, computazione numerica e system testing.
Fu ideato da Guido van Rossum all’inizio degli anni novanta.

Le caratteristiche più immediatamente riconoscibili di Python sono le variabili non tipizzate e l’uso dell’indentazione per la definizione delle specifichen, la presenza di un ricco assortimento di tipi e funzioni di base e librerie standard, sintassi avanzate quali slicing e list comprehension.
Il controllo dei tipi è forte (strong typing) e viene eseguito a runtime (esecuzione del programma): una variabile è un contenitore a cui viene associata un’etichetta (il nome) che può essere associata a diversi contenitori anche di tipo diverso durante il suo tempo di vita.
Per Python è stata una sintassi più essenziale e uniforme con l’obiettivo di aumentare la leggibilità del codice.

Tipi di dati e strutture
Essendo Python a tipizzazione dinamica, tutte le variabili sono in realtà puntatori a oggetto. Per esempio a una variabile a cui è stato assegnato un valore di tipo intero, subito dopo può essere assegnata una stringa o una lista. Gli oggetti sono invece dotati di tipo.
In Python c’è un moderato controllo dei tipi al momento dell’esecuzione. Si ha conversione implicita per i tipi numerici, che permette per esempio di moltiplicare un numero complesso per un intero, ma non esiste la conversione implicita tra numeri e stringhe; perciò un numero è un argomento non valido per le operazioni su stringa, a differenza di quanto avviene in PHP.


E’ possibile scaricarlo in maniera completamente gratuita dal sito ufficiale: https://www.python.org/