Home Area Giuridico-Economica L’attività finanziaria

L’attività finanziaria

Possiamo definire con attività finanziaria quella complessa attività svolta dallo stato e da alcuni enti minori per procurarsi le risorse economiche necessarie per affrontare i costi di gestione dei servizi pubblici. I soggetti attivi dell’attività finanziaria sono pertanto lo Stato e alcuni enti minori,e prende il nome di Fabbisogno Finanziario.

I bisogni e i servizi pubblici

Si dicono bisogni pubblici quelli che vengono soddisfatti da quegli enti pubblici che abbiamo definito soggetti attivi dell’attività finanziaria. I bisogni pubblici sono per natura collettivi e vengono soddisfatti attraverso una molteplicità di prestazioni effettuate dallo stato che prendono il nome di servizi pubblici,che si suddividono in:

  • Servizi pubblici generali,cioè quei servizi di cui godono indistintamente tutti i soggetti della collettività in egual misura
  • Servizi pubblici privati,cioè quelli a domanda individuabile e che quindi vengono prestati all’ente solo su richiesta del singolo utente

La politica finanziaria

La politica finanziaria è rappresentata dalle scelte economico-finanziarie del governo per soddisfare i bisogni pubblici.Questa si può definire funzionale in quanto complesso di scelte compiute per raggiungere obiettivi in funzione del benessere economico-sociale della collettività ed è grazie alle teorie keynesiane che nel mondo occidentale si è imposta la finanza funzionale.

La superata teoria classica della finanza neutrale prevedeva come unica funzione dell’attività finanziaria quella fiscale.Secondo questa teoria della finanzia funzionale,i compiti dell’attività finanziaria sono principalmente extra-fiscali affinchè si possano assicurare:

  • Il sostegno della domanda globale,allo scopo di raggiungere il pieno impiego dei fattori produttivi;
  • La realizzazione della politica anticiclica,che attenui le perturbazioni causate dalle fasi recessive dei cicli economici